star trek: picard, cinematographe.it

C’è molto da ricordare prima di iniziare la visione della nuova serie tv Star Trek: Picard, in arrivo su Amazon Prime Video il 24 gennaio 2020. Sono passati 18 anni dall’ultima volta in cui il leggendario Patrick Stewart si è impegnato e ha interpretato Jean-Luc Picard sul grande schermo. La nuova serie tv vede il veterano capitano intraprendere un’ultima missione verso le stelle, in un’avventura che vede protagonisti Borg, Romulani, membri della Flotta Stellare e una varietà di volti familiari della storia di Star Trek. I recenti progetti del franchise fantascientifico sono stati ambientati nella loro stessa continuity (la serie di film di J.J. Abrams) o hanno agito perlopiù come prequel (vedasi Star Trek: Discovery di Netflix), ma Star Trek: Picard rompe questo modello tornando alla consueta sequenza temporale e continuando il storia dell’universo principale più o meno da dove gli eventi erano stati interrotti. La nuova serie si basa su elementi di The Next Generation, Voyager, il film del 2009 e Nemesis.

Star Trek: Picard – cosa sapere prima di vederla

Star Trek: The Next Generation introdusse alcuni dei cattivi più memorabili nella storia del franchise: i Borg. Accogliendo un ardente desiderio di assimilare la materia organica, i Borg rappresentarono un’enorme minaccia per la Federazione dei Pianeti Uniti, in particolare quando trasformarono il capitano dell’Enterprise, Picard appunto, in uno di loro rinominandolo Locutus. Sebbene Jean-Luc sia stato in grado di riguadagnare la sua umanità, l’esperienza di essere forzatamente trasformato in uno dei Borg ha lasciato una ferita che non si è mai completamente rimarginata. Fortunatamente, i Borg in The Next Generation non si sono rivelati tutti malvagi e cupi. “I, Borg” introdusse l’idea che i membri del Collettivo avrebbero potuto riguadagnare la loro precedente umanità se separati dal resto dell’alveare per un lungo periodo di tempo, mentre i miglioramenti fisici della cibernetica Borg sarebbero stati parzialmente invertiti usando procedure mediche umane. Dopo aver catturato un drone abbandonato, l’Enterprise (in qualche modo contro i desideri di Picard) nutrì il loro nuovo amico, lo chiamò Hugh e gli insegnò i valori umani che erano stati messi a nudo dai Borg. L’alleanza di Hugh con l’equipaggio dell’Enterprise continuò negli episodi successivi e dimostrò una chiara progressione verso l’umanità.

Riker e Troi

star trek: picard

Tra i vari personaggi di The Next Generation che tornano per Star Trek: Picard ci sono Will Riker e sua moglie, Deanna Troi. Servendo da braccio destro di Picard, Riker è stato un famoso ufficiale della Flotta Stellare (il migliore, secondo il suo capitano) e rifiutò diversi posti di comando per rimanere sull’Enterprise. Sebbene l’amicizia tra Riker e Picard non sia mai andata alla deriva nelle sfumature parentali della sua relazione con Data, il legame tra Riker e il suo capitano fu costruito su solida amicizia e incrollabile lealtà. Dopo aver sposato il consigliere dell’Enteprise, Deannor Troi, Riker accettò finalmente di guidare la U.S.S. Titan.

Il rapporto tra Picard e Data

star trek: picard

Il Data di Brent Spiner si è rivelato essere un personaggio veramente unico nella rosa di Star Trek: The Next Generation in quanto era un essere sintetico, il primo del suo genere a unirsi alla Flotta Stellare. Durante il suo percorso nel franchise, l’arco narrativo del personaggio ha portato Data ad umanizzarsi sempre più – aiutato anche dall’inserimento di un chip emozionale che ha contribuito al cambiamento. Il modo in cui Data ha appreso i comportamenti e i sentimenti umani lo hanno reso un personaggio tra i più interessanti di sempre. Non solo: il suo rapporto con il capitano è certamente uno dei più belli e sinceri. Ad esempio, quando Data ha innescato inavvertitamente un programma di sogni latenti nei suoi circuiti, si è preoccupato del significato delle visioni umane e ha cercato di esplorarle attraverso la pittura, cercando anche la saggezza di Picard. Picard, d’altra parte, ha  combattuto valorosamente per i diritti di Data come essere senziente in The Next Generation, anche quando la lotta lo ha messo in competizione con i suoi stessi datori di lavoro, come si è visto negli eventi della seconda stagione nell’episodio intitolato The Measure of a Man. Successivamente, Data ha guardato Picard come mentore ed è altamente improbabile che l’androide avrebbe guadagnato il livello di umanità che ha raggiunto nel tempo senza l’influenza e gli insegnamenti di Picard. Il legame tra Picard e Data è diventato così forte che la fiducia implicita si è tradotta nel sacrificio finale durante Star Trek: Nemesis, con Data che dà la propria vita per risparmiare l’equipaggio e il capitano. Nemesis segna la comparsa più recente di Patrick Stewart nel franchise di Star Trek, prima di Star Trak: Picard. Quale sarà il futuro dei due amici?

L’arco narrativo di Sette di Nove da Voyager

star trek: picard

Analogamente a Hugh, Sette di Nove, direttamente dalla serie tv Star Trek: Voyager, era un ex membro del Collettivo Borg prima di esser riabilitata ed accolta nell’equipaggio. Venne salvata dal capitano Kathryn Janeway, dal comandante Chakotay e dall’ingegnere capo B’Elanna Torres. Trovandosi improvvisamente ad essere un membro dell’equipaggio della Voyager, Sette di Nove si era rivelata ben presto molto simile a Data in The Next Generation, nel modo in cui ha mitigato il suo comportamento mostrando sempre più umanità. Il tempo di Seven of Nine a bordo della Voyager l’ha anche aiutata a riscoprire i ricordi dei suoi giorni di pre-assimilazione e a riconnettersi con la sua precedente umanità, piuttosto che semplicemente impararla da zero.

La distruzione di Romulus

star trek: picard

In The Next Generation, la dinamica tra umani e Romulani era tesa, con la pace sempre a un solo passo dal caos. In diverse occasioni, le fazioni romulane tramavano atti di violenza sotto le spoglie di un ramo d’ulivo e questi incidenti seminavano sfiducia tra la Federazione e l’Impero Romulano. La guerra si concluse con un trattato che stabilì una zona neutrale di un anno luce tra i due contendenti. Sebbene il film Star Trek del 2009 diretto da J.J.Abrams abbia avuto luogo in una realtà separata, sappiamo che il pianeta è stato distrutto da una supernova nel 2387. Lo Spock di Leonard Nimoy in un viaggio nel tempo tentò di avvertire i romulani che non presero sul serio la minaccia imminente. Come rivelato nel preludio Children of Mars di Star Trek: Picard, la Federazione aveva iniziato gli sforzi per evacuare i Romulani in pericolo prima che la supernova colpisse, ma i sospetti tra le due razze ribollivano sotto la superficie. La Federazione non era sicura di aiutare un ex nemico e i Romulani sospettavano che l’intero scenario della supernova e dell’evacuazione fosse un assetto per l’invasione della Federazione su vasta scala. La situazione arrivò al culmine quando una misteriosa banda di esseri sintetici attaccò i cantieri navali della Federazione su Marte, usati per costruire le navi di evacuazione. Come risultato di questo incidente, la Federazione si ritirò dal fornire qualsiasi assistenza e di conseguenza i Romulani non ne furono troppo contenti.

Dove è stato Picard dopo Nemesis?

Picard venne incaricato della missione di evacuazione dei Romulani e fu fondamentale per mantenere le relazioni tra le due parti il più pacifiche possibile mentre incombeva la minaccia di una supernova. Picard guidò la missione di salvataggio mentre era al comando degli U.S.S. Verity, dove avrebbe incontrato il Primo Ufficiale Raffi Musiker (il personaggio di Michelle Hurd in Star Trek: Picard), ma la sua fede fu scossa dall’incontro con una colonia segreta di schiavi nascosta dall’Impero Romulano, e non tutti potevano realisticamente essere risparmiati dal disastro imminente. A causa della sfiducia che molti Romulani nutrivano ancora verso la Federazione, Picard e la sua nave furono rapiti dai ribelli, ma l’ex capitano dell’Enterprise continuò a sostenere la cooperazione tra le razze e il suo messaggio fu ricevuto da gruppi selezionati di Romulani pacifici. Avendo lavorato così duramente per aiutare a salvare il pianeta, Picard si dimise dalla Flotta Stellare in segno di protesta quando la Federazione decise di non fornire assistenza alla razza romulana a seguito degli attacchi dei cantieri navali. Dopo aver appeso al chiodo il suo phaser, Picard si ritirò nel suo vigneto di famiglia con spie Romulane Tal Shiar sconosciute che aveva aiutato e con cui aveva stretto amicizia e un cane a cui da il nome di Riker.

Leggi in anteprima la recensione di Star Trek: Picard

Star Trek: Picard arriva su Amazon Prime Video il 24 gennaio 2020.

SPECIALE OSCAR 2020
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto