Il Racconto dei Racconti: incetta di premi ai David 2016

Da leggere

Lizzie McGuire: per Hilary Duff il reboot “È stata una grossa delusione”

Il reboot di Lizzie McGuire è stato cancellato ancor prima della messa in onda Hilary Duff sta rievocando le due...

Matilda De Angelis a Sanremo 2021 ha raccontato perché ha dovuto bloccare Hugh Grant su Whatsapp

Ad aprire la 71esima edizione del Festival di Sanremo è stata la “nostra” Matilda De Angelis. La bravissima attrice,...

The Gray Man: Regé-Jean Page nel film Netflix più costoso di sempre

Il protagonista di Bridgerton si unisce al cast stellare del film Netflix The Gray Man Il cast del film The...

Visionario, magico, fotograficamente folgorante, Il Racconto dei Racconti (Tale of Tales) unisce all’elemento fiabesco intarsiature horror, regalando un’emozione in pellicola, firmata dal talentuoso Matteo Garrone la cui bellezza è stata ampiamente riconosciuta in occasione dei David di Donatello 2016. Di seguito tutti i premi ricevuti dal film con Salma Hayek, Vincent Cassel, Toby Jones, Shirley Henderson, Hayley Carmichael, Bebe Cave, Stacy Martin, Christian Lees, Jonah Lees, Guillaume Delaunay con la partecipazione di Alba Rohrwacher e Massimo Ceccherini e con John C. Reilly.

Il Racconto dei Racconti: incetta di premi ai David 2016

“Una scelta masochistica e incosciente”: così Matteo Garrone sintetizza l’impresa più insidiosa e ricca di incognite della sua carriera: dopo averci abituati e rassicurati con trasfigurazioni fantastiche a partire dal reale, ne Il racconto dei racconti (Tale of Tales) osserviamo il percorso inverso, con il risultato di un fantasy dai tratti horror che unisce all’elemento fiabesco la riconoscibile ma sapientemente internazionalizzata cifra stilistica dell’italianissimo regista di Gomorra e Reality. A ben guardare, infatti, le fiabe di Giambattista Basile (tratte dal libro napoletano del ‘600 che dà il titolo alla pellicola, Lo Cunto de li Cunti) hanno offerto lo spunto ideale per mettere in scena i temi cari alla poetica del cineasta: dalla trasfigurazione del corpo – ampiamente argomentata e sviscerata in Primo amore e L’imbalsamatore– all’incertezza esistenziale, riconoscibile in ogni suo precedente lavoro, passando per il gusto per un cinema che sia anche astrazione pittorica e tragicommedia. CONTINUA A LEGGERE

Ultime notizie

Lizzie McGuire: per Hilary Duff il reboot “È stata una grossa delusione”

Il reboot di Lizzie McGuire è stato cancellato ancor prima della messa in onda Hilary Duff sta rievocando le due...

Articoli correlati