Watchmen: la reazione di Yahya Abdul-Mateen II per la nomination agli Emmy

La miniserie HBO si presenta alla prossima edizione degli Emmy con il record di candidature, tra cui quella per l'attore Yahya Abdul-Mateen II.

L’attore di Watchmen ha condiviso tutta la gioia della sua prima candidatura agli Emmy in un video pubblicato su Twitter.

Con più nomination agli Emmy di qualsiasi altro programma, Watchmen di HBO è stato un punto di svolta in questa stagione televisiva. Data la forte performance e le dimensioni e l’importanza del suo ruolo per il messaggio della serie, pochi fan sono rimasti sorpresi nel vedere che Yahya Abdul-Mateen II, che ha interpretato un personaggio cruciale per la serie, ha ottenuto una prestigiosa nomination come miglior attore non protagonista nella serie limitata basata sulla graphic novel dell’artista Dave Gibbons e DC. Abdul-Mateen, tuttavia, sembrava un po’ sorpreso – o almeno molto, molto eccitato – di apprendere della nomination, e il mondo ha avuto la fortuna di avere un documento cue testimonia il momento.

L’attore, che interpreta il mite Cal, marito della (collega candidata) Angela Abar di Regina King, ha mantenuto la calma mentre scorreva la lista dei candidati. Questa tranquillità, tuttavia, è durata poco. L’account Twitter ufficiale di BET ha documentato infatti l’euforia dell’attore di Watchmen per la scoperta della candidatura.

Recentemente, Watchmen – che si è occupato di giustizia razziale in modo viscerale e spesso emotivamente drenante – ha dimostrato la sua preveggenza quasi profetica, dato che l’America del XXI secolo sembra finalmente fare i conti con alcune delle questioni che vengono sollevate nel corso della storia della miniserie HBO. “Vedere la gente guardare Watchmen e poi avere nuove e più sofisticate conversazioni sull’importanza di raccontare la storia del massacro di Tulsa – chiamarlo massacro non una rivolta razziale – mi riempie di orgoglio”, ha detto Abdul-Mateen II a GQ Middle East. “E con quello che è successo a George Floyd, c’è un effetto domino: ora non abbiamo la scusa per ignorare quella parte di storia o dire che non siamo stati educati”.

Tags: HBO

Articoli correlati