This is Us: Lonnie Chavis racconta la sua esperienza con il razzismo

L'attore ha 12 anni ma ha già fatto più volte i conti con il razzismo delle persone, nella vita privata e nel lavoro durante la promozione della serie tv.

Da leggere

Festival del Cinema di Porretta Terme 2021: I Giganti vince il Premio Elio Petri

I Giganti di Bonifacio Angus è stato premiato al Festival del Cinema di Porretta Terme 2021 per la sua...

Knock at the cabin: Dave Bautista protagonista del film di di M. Night Shyamalan

Dave Bautista è noto sopratutto per il suo ruolo ne I Guardiani della Galassia  Dave Bautista non ha mai nascosto...

Morbius: ecco il primo terrificante poster e una scena in esclusiva!

Dopo Venom, Morbius è pronto a far parte del Sony's Spider-Man Universe La Sony continua ad ampliare il suo Cinematic...

Block title

Lonnie Chavis, giovane attore che in This is Us interpreta la versione più giovane di Randall, ha descritto in un saggio la sua esperienza con il razzismo

L’attore This Is Us Lonnie Chavis, che nella serie tv drammatica interpreta la versione più giovane di Randall, ha scritto un saggio in cui descrive nel dettaglio il razzismo, le intimidazioni e lo stress a cui ha assistito nei suoi 12 anni di vita. Il saggio è apparso sulla rivista People mercoledì e da allora è stato ampiamente diffuso. Il saggio si apre così:

La mia vita conta, ma lo fa? L’America dipinge un’immagine molto chiara di come dovrei vedere me stesso. L’America mi mostra che il mio essere nero è una minaccia e che sono trattato come tale. In realtà non ho imparato ad essere nero e cosa questo significa per me fino a quando non avevo 7 anni“.

A quell’età, ha dichiarato Chavis, i suoi genitori iniziarono a educarlo. Le lezioni includevano “lunghi discorsi” e proiezioni di film come Amistad e Malcolm X. Ma, ha aggiunto, ha anche visto quali problemi la vita reale potrebbe portare quando lavorava sui set di Hollywood. Ricorda di essere stato “trattato molto male dalla sicurezza o dai controlli di ingresso” in occasione di eventi del settore, “come se non avessi dovuto essere lì, fino a quando non avessi avuto un conduttore che mi avrebbe annunciato”. Era anche spesso confuso con gli attori dei programmi televisivi Black-ish o Stranger Things.

Immagino che ci assomigliamo tutti poiché siamo tutti neri. Riesci a immaginare di essere confuso per qualsiasi altro bambino nero solo perché condividete tutti la stessa professione? Io posso.”

Chavis scrive anche di una scena in This Is Us che lo fece piangere. Si riferisce a quando una nonna era crudele con il suo personaggio per ragioni razziali:

“Stavo piangendo per me. Riesci a immaginare di dover spiegare a una stanza piena di bianchi perché non sono riuscito a trattenere le mie lacrime vere mentre provavo il dolore del razzismo? Io posso.”

Le cose non sono più facili per lui perché è una celebrità, ha voluto sottolineare. Ha ricordato di essere stato profilato razzialmente in un ristorante di San Diego e accusato di aver cercato di rubare mance. Ha ricordato anche di quando sua madre fu fermata in una macchina nuova e un poliziotto gli ha chiesto “Di chi è questa macchina?

Peggio ancora, ha anche assistito a uno scontro in cui un agente di polizia ha attorcigliato il braccio di suo padre dietro la schiena contro la porta di casa della sua famiglia.

Pensavo che i miei genitori sarebbero sicuramente morti agendo contro la polizia. Per grazia di Dio, sono ancora entrambi con me e quella molestia motivata razzialmente contro mio padre è stata respinta. Riesci a immaginare di aggrapparti ai tuoi tre fratellini mentre pensi che diventerete tutti orfani? Io posso.

Intanto la serie tv ha dovuto recentemente fare i conti con l’addio a Jas Waters, sceneggiatrice dello show, morta a soli 39 anni.

SourceDeadline

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Festival del Cinema di Porretta Terme 2021: I Giganti vince il Premio Elio Petri

I Giganti di Bonifacio Angus è stato premiato al Festival del Cinema di Porretta Terme 2021 per la sua...

Articoli correlati