SanPa, i figli di Vincenzo Muccioli contro la serie Netflix: “Una rappresentazione distorta della storia”

Continuano le polemiche contro la docu-serie Netflix SanPa: Luci e Tenebre di San Patrignano, la serie che ritrae la comunità di San Patrignano.

Da leggere

The Challenge: tornato sulla terra il cast del primo film girato nello spazio

Sono terminati i lavori sulla stazione spaziale internazionale che si è trasformata nel primo set nello spazio per il...

Montgomery Clift e quell’incidente d’auto che compromise per sempre la bellezza e la carriera dell’attore

Ha debuttato a Broadway a soli quindici anni e fin da subito ottenne un grande successo. Per ben dieci...

Squid Game: 8 teorie fan svelano significati incredibili sulla serie Netflix

Squid Game è l'ultimo grande successo targato Netflix. La serie TV coreana è senza dubbio uno dei prodotti più...

Block title

I figli di Vincenzo Muccioli querelano Netflix per la serie SanPa: Luci e Tenebre di San Patrignano

Continuano le polemiche contro la docu-serie Netflix SanPa: Luci e Tenebre di San Patrignano, la serie che ritrae il passato e il presente della comunità di San Patrignano, la comunità di recupero fondata nel 1978 da Vincenzo Muccioli a Coriano, in provincia di Rimini. E sono proprio i figli di Muccioli che ora continuano le polemiche iniziate dall’uscita della serie sul noto servizio streaming, lo scorso dicembre.

Andrea e Giacomo Muccioli hanno querelato Netflix per diffamazione aggravata in quanto, secondo loro, il documentario che il gigante dello streaming ha realizzato sulla comunità e sulla figura del padre è una “ricostruzione distorta della storia della comunità e del suo fondatore”SanPa: Luci e tenebre a San Patrignano avrebbe dunque offeso la memoria del padre secondo i figli, che ne hanno parlato con il Corriere Romagna (via Ansa).

Leggi anche – SanPa: polemiche per il documentario Netflix su San Patrignano e Vincenzo Muccioli

La serie Netflix, attraverso testimonianze e immagini di repertorio, racconta la controversa storia della comunità di recupero di San Patrignano, destinata a diventare il più grande centro di riabilitazione per tossicodipendenti in Europa. SanPa ripercorre il ventennio di gestione della comunità da parte di Vincenzo Muccioli, dalle origini, nel 1978, fino al 1995, anno della sua morte, e il contesto sociale, economico e politico in cui l’Italia si trovava in quel periodo. La piaga dell’eroina che ha spezzato un’intera generazione e la volontà di Muccioli di trovare una soluzione a questo problema e di salvare la vita di moltissime persone, si alternano alla bufera mediatica e processuale che, a qualche anno dalla fondazione, ha investito Muccioli e la comunità per le modalità con cui i pazienti venivano tenuti lontani dalle droghe.

ViaAnsa

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

The Challenge: tornato sulla terra il cast del primo film girato nello spazio

Sono terminati i lavori sulla stazione spaziale internazionale che si è trasformata nel primo set nello spazio per il...

Articoli correlati