Euphoria 2: ecco come è stata girata quella controversa scena di sesso

Il protagonista della scena che ha infiammato il web ha raccontato com'è stato girare un momento così intimo.

Svelati i retroscena della scena di sesso più chiacchierata della seconda stagione di Euphoria 

La seconda stagione di Euphoria continua in grande stile! Non c’è dubbio che Sam Levinson sia riuscito a creare una fiction che commuove, che colpisce e che intrattiene, ma che non dimentica la sostanza, il che implica la presenza di polemiche e critiche. Le scene di sesso presenti nella serie sembrano talmente reali da aver spinto diversi spettatori a chiedersi se non fossero state girate veramente. A quanto pare non tutti capiscono quanto possa essere “esplicita” la finzione televisiva. Il sesso da sempre suscita enorme scalpore e quella scena che abbiamo visto nell’ultimo episodio della stagione 2 di Euphoria con Cal Jacobs e un giovane ragazzo è l’argomento hot della settimana. Il web è in fiamme dalla messa in onda del secondo capitolo (escono settimanalmente, in Italia su Sky Atlantic) e il protagonista della scena “incriminata” ha deciso di calmare i bollori e di rispondere a una delle domande più gettonate: sei davvero tu in quella scena?

In molti si sono chiesti l’identità della persona che ha scambiato con il padre di Nate quel “bacio” e il diretto interessato è subito balzato in piedi per chiarire tutti i dubbi che hanno assalito gli “Euphoriafans”. Questa persona è Christin Byrdsong e questo è stato il suo primo Tweet: “Sono stato io”, aggiungendo l’hashtag #DreamsComeTrue, riferendosi al fatto che fosse immensamente felice di aver lavorato con Eric Dane.

Leggi anche Euphoria – stagione 2: recensione della serie con Zendaya

Secondo l’interprete tutte le scene di sesso in Euphoria sono supervisionate da uno “specialista dell’intimità”, uno speciale consulente che è ormai divenuta consuetudine avere sul set delle produzioni televisive e cinematografiche, d’obbligo quando si parla di scene di sesso che devono sembrare estremamente esplicite. Grazie a questa figura professionale l’attore si è sentito “a suo agio” e “sicuro di sé”. “Le riprese sono state incredibilmente professionali. La scena era finta. È stato costruito un pezzo i protesi dal coach dell’intimità, da inserire tra la sua faccia e il mio sedere. Super tranquillo e professionale.”

Articoli correlati