American Horror Story, Sarah Paulson pentita: “Avrei dovuto dire di no”

L'attrice ha rivelato di aver avuto alcuni rimpianti in merito alla stagione American Horror Story: Roanoke.

Da leggere

Cento Giorni di Felicità: il libro di Fausto Brizzi diventa un film in Cina

La Bridging the Dragon, l'associazione che raccoglie produttori cinematografici sino-europei, ha raggiunto un accordo con la società di produzione...

The Flash: il Batman di Ben Affleck sfreccia tra le strade di Glasgow [FOTO]

Le riprese di The Flash continuano senza sosta. Le nuove foto rubate dal set apparse nelle ultime ore sul...

Chi è Callum Turner? Biografia, carriera e vita privata dell’affascinante attore del film Netflix L’ultima lettera d’amore

Forse guardando il film L’ultima lettera d’amore, prodotto da Netflix, avete messo gli occhi sull’affascinante Callum Turner. Sebbene non...

Sarah Paulson rivela di essere rimasta delusa da American Horror Story: Roanoke. “Avrei dovuto dire di no a Ryan Murphy”

Sarah Paulson si può considerare il volto della serie antologica creata da Ryan Murphy American Horror Story. L’attrice vincitrice di un Emmy è apparsa in ben otto stagioni consecutive, prima di prendersi una pausa, non apparendo nella più recente stagione, AHS: 1984. Sarah Paulson però tornerà a terrorizzarci per la stagione 10 dell’amata serie statunitense, sottotitolata Double Feature, ma c’è qualche stagione che si sente di aver fatto? La risposta è sì. Durante un’intervista con The Hollywood Reporter l’attrice ha rivelato di avere alcuni rimpianti in merito alla stagione Roanoke.

Non mi interessa affatto quella stagione. So che la gente si arrabbierà con me per averlo detto, ma avevo appena interpretato Marcia [in American Crime Story: The People vs. OJ Simpson] e dopo sono subito tornata sul set.

La narrazione della stagione è stata suddivisa in due metà: la prima è stata realizzata in stile mockumentary e racconta la storia dietro le inquietanti esperienze di una coppia che si è appena trasferita nella città della Carolina del Nord, mentre la seconda metà ha abbracciato il formato del found-footage e mostra i terrori incontrati da una troupe cinematografica.

Ero così delusa dall’intera esperienza perché mi sentivo sopraffatta. Mi sentivo davvero intrappolata dalla mia responsabilità e dal mio obbligo contrattuale di fare American Horror Story. Per quanto la serie sia casa mia, e per quanto l’abbia sempre amata, è stata la prima volta che ho capito che sarei dovuta andare da Ryan e dirgli “Per favore, lasciami fuori”. 

ViaCB

Ultime notizie

Cento Giorni di Felicità: il libro di Fausto Brizzi diventa un film in Cina

La Bridging the Dragon, l'associazione che raccoglie produttori cinematografici sino-europei, ha raggiunto un accordo con la società di produzione...

Articoli correlati