orange is the new black 5

Orange is the New Black 5 (qui potete leggere la nostra recensione) ha fatto il suo debutto negli USA e adesso si prepara a deliziare il pubblico italiano, che potrà vedere la serie tv a partire da giovedì 22 giugno alle 21.15 su Premium Stories.

 

Dopo il suo debutto nel 2013 la serie è stata subito molto discussa e apprezzata anche dalla critica, oltre che dalla comunità LGBT che ha molto apprezzato la sceneggiatura e la regia (in cui si è dilettata anche Jodie Foster). OITNB, come viene comunemente chiamata dai fan, è diventata una vera e propria serie cult negli Stati Uniti al pari di The L Word.

La quinta stagione di Orange is the New Black si prospetta ricca di novità; i tre giorni di rivolta del carcere sembrano destinati a farsi ancora più interessanti con l’arrivo nel carcere di una ricca donna di newyorkese arrestata per un vecchio crimine. In più, il decimo episodio vede alla regia la stessa Laura Prepon, che nella serie interpreta Alex. L’episodio in questione nella versione italiana si intitola Il tocco di Re Mida al contrario.

Orange I The New Black – La  rivolta e il caos regnano nel carcere femminile di Litchfield

Chi ha seguito la scorsa stagione sa che la situazione in qui le protagoniste erano state lasciate era decisamente drammatica. La rivolta, dopo l’omicidio di Poussey, è più che mai in atto e Dayanara (Dascha Polanco) minaccia di premere il grilletto contro la guardia carceraria tenuta in ostaggio dalle detenute di Lichfield. Le personalità più brutali e cruente iniziano a emergere in questo clima di totale caos.

Le carcerate di Litchfield sono decisamente infuriate e pronte a tutto per ottenere ciò che vogliono. Hanno rubato la scena ai loro carceriere e, unite più che mai, non si arrenderanno fino a che non avranno ottenuto i loro scopi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE