Killjoys cinematographe

Dutch, Johnny e D’avin sono i tre protagonisti di Killjoys, serie ambientata in un futuro imprecisato in una galassia chiamata Quad, all’interno della quale i tre lavorano come cacciatori di taglie vagabondando su un’astronave di pianeta in pianeta, di ricerca, in ricerca.

Killjoys: il contesto iniziale

Dutch e Johnny all’inizio della serie sembrano essere due partner di lavoro molto affiatati, due agilissimi e preparati cacciatori di taglie, chiamati, appunto, Killjoys, giramondo (anzi, è il caso di dire giramondi), capaci di adoperare le armi usate in questo sistema futuro e la loro forza fisica per catturare scaltri ricercati. Lavorano per una società che si chiama RAC (Reclamation Apprehension Coalition), la quale viene assoldata per catturare chi, per vari motivi, mina l’ordine della galassia, il tutto sotto l’egida di una misteriosa “Compagnia” che si configura come una sorta di lobby di potere che è dietro tutti i più grossi interessi delle dinamiche di Quad. Ai due si aggiunge ben presto D’avin, il fratello di Johnny, che viene introdotto nella serie proprio essendo uno dei ricercati su cui è messa una taglia e che, con un sotterfugio e ad insaputa di Dutch, Johnny accetta come caso per, in realtà, salvarlo. Questo è solo l’antefatto del loro incontro e della decisione, seppure con delle resistenze, visto l’insolito incontro, di diventare colleghi. Il contesto in cui la serie ha luogo, come capiamo subito, è dominato da forti tensioni  interplanetarie, un contesto in cui avvertiamo la presenza di un conflitto sociale violento, intravediamo una strana tipologia di astronave che trasporta schiavi (è su una di queste che incontriamo D’avin la prima volta) e ci interfacciamo con misteriosi gruppi di monaci di una sorta di setta religiosa, ma i tre protagonisti cercano di rimanere neutrali e questo sfondo rimane tale per tutta la prima stagione.

Killjoys: i protagonisti

Il trio protagonista della serie è composto da una donna e due uomini, due fratelli. Dutch (Hannah John-Kamen) è la leader del gruppo, è la Killjoy più esperta, è un cosiddetto livello 5, il che vale a dire che possiede il livello di licenza più alto possibile per effettuare i propri mandati, alias: ha il diritto di uccidere. Ha un passato misterioso, in cui compare un mentore/padre putativo che vediamo comparire spesso di nome Klyhen, è molto ben addestrata, è incredibilmente agile, è la tipica donna dura, pericolosa, scaltra, una combattente esperta, anche se, certamente, non è immune da sconvenienti cedimenti amorosi. Johnny  (Aaron Ashmore) è il suo partner da diversi anni, ci si presenta come un ragazzo di buon cuore, più docile della sua collega, è un Killjoy di livello 3, non è spietato, ma è intelligente e coraggioso, è leale, soprattutto con la sua collega di cui sopra, che capiamo essere una sorta di mentore per lui, la compagna con più esperienza da cui farsi guidare e, talvolta, rimproverare. D’avin (Luke Macfarlane) è il fratello maggiore di Johnny, come già raccontato, si unisce alla squadra in corsa, non è da subito addestrato per essere Killjoy, ha un passato da militare, traumatico, un passato che lo ha reso duro e decisamente più impenetrabile e rude del fratello minore. Tra il virile e spavaldo D’avin e la risoluta e irreprensibile Dutch è attrazione da subito.

Killjoys: la seconda stagione

Mentre nella prima stagione la linea orizzontale del setup galattico è decisamente un nebuloso contesto in cui sono collocate le ricerche e le singole avventure dei tre cacciatori, nella seconda stagione, vediamo uno sviluppo maggiore di questo sfondo. E così si irrobustisce il ruolo di Klyhen come funzionale a raccontare il passato nonché il futuro di Dutch, la faida tra i Nove, alias le nove dinastie che si contendono la supremazia sulla galassia, e i loro giochi di potere con la Compagnia, vengono introdotti i misteriosi Level Six (Killjoys di un livello superiore al massimo conosciuto, il numero 5, il cui addestramento e la cui selezione sembrano oscuri), ai quali è connesso il programma segreto Red 17, così come la linea della setta religiosa con a capo il monaco Alvis, espressione della ribellione al dominio della Compagnia. Questi sono alcuni dei personaggi e dei temi fonte di curiosità durante la prima stagione, che nella seconda assumono nuovo spessore.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE